Pubblicato il

Utilizza Smart Switch per trasferire i tuoi dati dal tuo Samsung ad un nuovo Smartphone Galaxy!

Samsung Smart Switch è un’utilissima applicazione compatibile con moltissimi smartphone Android e non solo: permette di passare i vostri dati (app, rubrica, musica, foto, video, eventi del calendario, messaggi di testo, impostazioni del dispositivo e altro ancora) dal vecchio dispositivo al nuovo Samsung Galaxy, il tutto in modo rapido e senza fili (con alcune limitazioni) Smart Switch può rendervi decisamente più semplice il passaggio a un nuovo smartphone Samsung Galaxy, sia da dispositivi Android, sia da quelli con altri sistemi operativi come iOS, Windows Phone e BlackBerryOS. Per i primi è possibile il trasferimento tramite rete wireless (con Android 4.0 o versioni successive) o cablato (richiesti Android 4.3 o versioni successive). Tra i device compatibili compaiono quelli di HTC, LG, Sony, Huawei, Lenovo, Motorola, PANTECH, Panasonic, Kyocera, NEC, SHARP, Fujitsu, Xiaomi, Vivo, OPPO, Coolpad(DazenF2), RIM(Priv), YotaPhone, ZTE(Nubia Z9), Gionee, LAVA, MyPhone(My28s), Cherry Mobile, Google(Pixel). Dopo aver stabilito una connessione tra i due dispositivi, Smart Switch vi condurrà al trasferimento tramite una semplice procedura guidata; la durata dipende ovviamente dalla quantità di dati: se dovete trasferire solamente documenti, rubrica, messaggi, lasciando fuori immagini e soprattutto video, il tutto si svolgerà con grande rapidità, altrimenti sarete costretti ad aspettare anche diverse decine di minuti (viene comunque fornita una stima). Una volta concluso sarete perfettamente in grado di iniziare a utilizzare il vostro nuovo smartphone Galaxy, tenendo comunque conto che l’app non è in grado di trasferire proprio tutto.
Share
Pubblicato il

Android O: novità e i tempi di rilascio

in anticipo rispetto all’edizione GOOGLE I/O 2017 fissata per il 17 maggio, nella serata di ieri GOOGLE ha ufficializzato ANDROID O, il nome in codice della prossima nuova versione del sistema operativo Android.
Le novità introdotte in questa release sono diverse, ecco riassunte di seguito quelle principali   Limiti alle attività in background Con Android O ci saranno ulteriori importanti miglioramenti nella gestione della batteria. Tra le nuove misure adottate da Google per ridurre il consumo troviamo dei limiti automatici alle attività che le app possono svolgere in background   Nuovo sistema di notifiche Con Android O gli sviluppatori possono definire dei canali per le notifiche generate dalle loro app in modo da migliorare il sistema di raggruppamento e facilitare la loro gestione da parte dell’utente
Inoltre le notifiche potranno essere posticipate per apparire in un secondo momento.
Inoltre le notifiche potranno essere posticipate per apparire in un secondo momento.
Gli sviluppatori potranno poi definire un colore di sfondo delle notifiche differente.   Picture in Picture Il supporto della modalità Picture in Picture introdotto da Nougat per le TV sarà esteso anche agli smartphone e tablet consentendo di guardare i video mentre si sta utilizzando altre app. Completamento automatico Grazie a delle nuove API in Android O sarà possibile impostare un’app predefinita per la gestione del completamento automatico del testo, come ad esempio password, email, indirizzi o altro. Connettività Android O supporterà nativamente codec audio Bluetooth di alta qualità come ad esempio l’LDAC.
I dispositivi abilitati potranno inoltre contare sul Wi-Fi Aware, una tecnologia che permetterà di scoprire e connettersi ad altri dispositivi nelle vicinanze in maniera diretta, senza che sia presente un Access Point Wireless
I dispositivi abilitati potranno inoltre contare sul Wi-Fi Aware, una tecnologia che permetterà di scoprire e connettersi ad altri dispositivi nelle vicinanze in maniera diretta, senza che sia presente un Access Point Wireless                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              
Android O per ora è disponibile in versione Developers Preview solamente per gli smartphone Pixel, Pixel XL, Pixel C, Nexus 5X, Nexus 6P e Nexus Player. Il rilascio della versione definitiva ai vari produttori è previsto da Google entro la fine del terzo trimestre (agosto-settembre, salvo ritardi), dopo l’arrivo di almeno altre tre versioni beta.  
Share
Pubblicato il

Windows Phone scompare dal panorama mobile

E’ fallito il tentativo di Microsoft di ottenere una quota del mercato, convertendo i sostenitori di iOS ed Android. Il sistema operativo Windows Phone può già essere considerato “morto”.

  Che il Windows Phone sia un dispositivo senza alcun futuro lo confermano ormai anche le voci di alcune figure chiave all’interno di Microsoft. Una tra tutte quella di Amy Hood, chief financial officer di Microsoft, che proprio durante la presentazione degli ultimi risultati fiscali ha definito i ricavi della telefonia, non rilevanti, aggiungendo inoltre che le previsioni future sono tra le più nere. Tutto ciò per molti non sarà una sorpresa, all’orizzonte non sembra ci siano nuovi dispositivi e gli ultimi Lumia risalgono ad oltre un anno fa, c’è da aggiungere che in alcuni mercati addirittura per mesi questi dispositivi non sono stati disponibili. La crisi che ha colpito il settore mobile dell’azienda di Redmond non è destinato a terminare. Complici, probabilmente, le politiche che l’azienda stessa ha intrapreso sin da quando c’è stata l’acquisizione di Nokia. iOS ed Android rimangono padroni indiscussi della scena mentre Windows Phone ha ormai cifre così irrilevanti che possono essere trascurate.
Share